Bonus prima casa under 36: agevolazioni e scadenza

Il Decreto Sostegni bis ha previsto diverse agevolazioni, tra le quali compare il bonus acquisto prima casa under 36. L’obiettivo è quello di favorire l’acquisto di immobili da parte delle persone più giovani, prevedendo una serie di agevolazioni, esenzioni e sgravi fiscali che riguardano anche le pertinenze.

Fino al 31 dicembre 2022 sarà possibile beneficiare del bonus prima casa under 36 per le persone che hanno acquistato la prima abitazione nel periodo compreso dal 26 maggio 2021 al 31 dicembre 2022.

Dal Disegno delle Legge di Bilancio 2023 pare sia prevista una proroga sul bonus prima casa under 36.

Vediamo nel dettaglio in questo contributo quali sono i requisiti per poter accedere al bonus prima casa under 36 e le agevolazioni previste.

Sei pronto!?! Si comincia!!!

Bonus prima casa under 36: cosa prevede

Il Decreto Sostegni bis ha previsto diverse agevolazioni, tra le quali compare il bonus prima casa under 36. Quest’ultimo prevede l’esenzione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale in caso di acquisto dell’abitazione principale. Inoltre nel caso di ISEE non superiore a 40.000 euro, potranno fare domanda fino al 30 giugno 2022 per usufruire della garanzia dello Stato pari all’80% della quota capitale del finanziamento. Se desideri approfondire quest’ultimo aspetto di consiglio di leggere il seguente contributo: “mutuo under 36: come ottenerlo“.

Tutte le misure previste

Vediamo qui di seguito quali sono i benefici previsti dal bonus prima casa under 36:

  • per gli acquisti non soggette a Iva, esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale;
  • per gli acquisti soggetti ad Iva, oltre all’esenzione dall’imposta di registro, ipotecaria e catastale, è previsto un credito d’imposta pari all’importo dell’Iva versata al venditore. Il credito d’imposta potrà essere:
    • portato in diminuzione dalle imposte di registro, ipotecaria, catastale, sulle successioni e donazioni presentate dopo la data di acquisizione del credito;
    • utilizzato in diminuzione delle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base alla dichiarazione da presentare dopo la data dell’acquisto agevolato;
    • utilizzato in compensazione tramite modello F24, nel quale va indicato il codice tributo “6928”. Tale codice è stato istituti con la risoluzione n. 62/2021 dell’Agenzia delle Entrate.

Bonus acquisto prima casa under 36: a chi spetta?

Possono beneficiare delle agevolazioni viste nel paragrafo precedente i giovani che:

  • non hanno ancora compiuto i 36 anni di età nell’anno in cui l’atto è stato stipulato;
  • hanno un indicatore ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore a 40.000 euro annui.

Per gli atti stipulati nel 2022, l’ISEE è riferito ai redditi e al patrimonio del 2020

Oltre ai requisiti visti sopra, il soggetto deve soddisfare i requisiti previsti per usufruire dell’agevolazione “prima casa”, ovvero:

  1. L’acquisto deve avere per oggetto una casa di abitazione non accatastate come A1, A8 e A9, qualunque sia la dimensione dell’immobile;
  2. L’immobile deve essere ubicato nello stesso Comune in cui l’acquirente ha la propria residenza. Tuttavia è consentita la fruizione del beneficio anche nel caso in cui, alternativamente:
    • La residenza venga trasferita nel Comune di ubicazione dell’immobile entro 18 mesi dall’effettuazione dell’acquisto;
    • L’immobile è comunque ubicato nel Comune in cui il contribuente svolge la propria attività (lavorativa, sportiva, di studio o di volontariato);
    • Qualora l’acquirente si sia trasferito all’estero per ragioni di lavoro, l’immobile sia ubicato nel Comune ove il datore di lavoro ha la propria sede o, comunque, svolge la propria attività;
    • Qualora l’acquirente sia un cittadino italiano emigrato all’estero, l’immobile sia la sua prima casa nel territorio italiano.
  3. L’acquirente non sia titolare esclusivo (oppure in comunione con il coniuge) della proprietà/diritto reale  su altre abitazioni ubicate nel medesimo Comune ove è situata la casa da acquistare;
  4. L’acquirente non sia titolare, neppure per quote o comunione legale, della proprietà/diritto reale, esistente sul territorio italiano, acquistata usufruendo dell’agevolazione prima casa.

Bonus prima casa under 36: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Con la risposta all’interpello numero 653 del 4 ottobre 2021 l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti in merito al bonus prima casa under 36.

Il contribuente è il soggetto aggiudicatario all’asta di un’unità immobiliare con decreto di trasferimento del Tribunale, non ancora registrato presso l’Agenzia delle Entrate. Esso chiede se può aderire al bonus prima casa under 36 sia nel momento del pagamento delle imposte dovute per la registrazione del decreto di trasferimento, sia in quello della stipula futura del mutuo.

L’Agenzia delle Entrate richiama l’articolo 1 del d.P.R. 26 aprile 1986, n.131, sulla disciplina dell’imposta di registro, che stabilisce che:

“si applica nella misura indicata nella Tariffa allegata al (…) Testo Unico, agli atti soggetti a registrazione e a quelli volontariamente presentati per la registrazione.”

Per beneficiare del bonus prima casa giovani, occorre non aver compiuto 36 anni nell’anno del rogito e devono avere un valore ISEE non superiore a 40.000 euro annui. Inoltre, la casa non deve rientrare nelle categorie catastali A/1, A/8 ed A/9 e deve essere situata nel Comune in cui l’acquirente ha o sposta la propria residenza entro diciotto mesi dall’acquisto.

Come precisato nella risoluzione 38/E del 28 maggio 2021, l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che è possibile chiedere l’applicazione dell’agevolazione prima casa anche nelle ipotesi in cui il trasferimento immobiliare avviene con un provvedimento giudiziale.

Considerato che l’agevolazione prima casa trova applicazione anche nell’ipotesi in cui la proprietà di un immobile si acquisisce per effetto di un provvedimento giudiziale, come nella fattispecie in esame, si ritiene che l’interpellante possa usufruire delle agevolazioni.

Proroga 2023 per il bonus prima casa giovani under 36

La proroga è stata inserita nel preliminare della Legge di Bilancio 2023 approvata dal Governo il 21 novembre 2022.

Ancora una volta, l’agevolazione si rivolge ai giovani di età inferiore ai 36 anni e con un ISEE non superiore a 40.000 euro, per la prima abitazione. Fino ad ora, la scadenza era legata all’acquisto di immobili entro il 31 dicembre del 2022. Ora il termine massimo sarà quello del 31 dicembre del 2023.

Ad oggi, non è stata definita alcuna particolare modifica alla misura originaria.

Anche in caso di mancata proroga, se da un lato verrà meno dal 1 gennaio 2023 l’esenzione totale dalle imposte, sarà sempre possibile beneficiare dell’agevolazione prima casa con la riduzione al 2 per cento dell’imposta di registro e dell’applicazione in misura fissa, pari a 50 euro ciascuna, per le imposte ipotecarie e catastali.

Decadenza dalle agevolazioni bonus prima casa

La norma che ha introdotto il bonus casa giovani ha previsto anche le conseguenze nel caso di “insussistenza” delle condizioni e dei requisiti per usufruirne o di “decadenza” dalle stesse agevolazioni.

Nell’ipotesi di decadenza dalle agevolazioni prima casa è previsto il recupero delle imposte dovute, l’applicazione degli interessi e l’irrogazione di sanzioni.

L’Agenzia delle Entrate con la la circolare n. 12/2021 ha chiarito due situazioni:

  • insussistenza dei requisiti previsti per il bonus prima casa under 36;
  • decadenza dalle agevolazioni prima casa.

Insussistenza dei requisiti per il bonus prima casa under 36

Nel caso in cui l’Agenzia delle Entrate dovesse riscontrare l’insussistenza dei requisiti previsti per le agevolazioni “bonus acquisto prima casa under 36″ ( ad esempio: il valore ISEE o per il periodo di validità dell’agevolazione), ma sussistono i requisiti e le condizioni per l’applicazione dell'”agevolazione prima casa”, saranno dovute:

  • Per gli atti soggetti ad imposta di registro, l’imposta nella misura del 2% e le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 50 euro ciascuna;
  • Per gli acquisti soggetti ad Iva, invece, viene meno il credito d’imposta con il conseguente recupero dello stesso, oltre all’applicazione delle sanzioni e interessi. Resta ferma l’applicazione dell’iva con l’aliquota del 4%.

Decadenza dalle agevolazioni prima casa

Nell’ipotesi di decadenza dalle agevolazioni prima casa, ovvero in caso di:

  • dichiarazione mendace, resa nell’atto di acquisto, circa la sussistenza dei requisiti;
  • mancato trasferimento della residenza nei termini previsti;
  • vendita dell’immobile entro i 5 anni dall’acquisto senza aver effettuo il riacquisto entro un anno dalla vendita;
  • mancata vendita della precedente “prima casa” entro l’anno dall’acquisto della nuova “prima casa”.

Venendo meno i presupposti per beneficiare dell’agevolazione “prima casa”, l’imposta di registro è determinata nella misura del 9%, le imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 euro ciascuna. A questo, si aggiunge l’applicazione di interessi e sanzioni.

Decadenza agevolazione prima casa: cosa fare per evitare le sanzioni?

Potrai beneficiare della riduzione delle sanzioni tramite l’istituto del ravvedimento operoso se, entro un anno decorrente dallo spirare dei 18 mesi o dal decorso dell’anno della cessione dell’immobile, invii apposita dichiarazione all’Agenzia delle entrate. Quest’ultima, provvederà a riliquidare l’imposta dovuta, gli interessi legali e all’irrogazione della sanzione del 30% ridotta a un ottavo.

Se desideri approfondire questo aspetto, ti consiglio di leggere il seguente contributo: “Decadenza agevolazioni prima casa: cosa fare“.

Bonus prima casa under 36: conclusioni

L’acquisto prima casa under 36 permette ai giovani di beneficiare di un importante risparmio fiscale al momento dell’acquisto dell’immobile. Tale agevolazione è prevista per gli acquisti effettuati entro il 31/12/2022. Tuttavia dal 2023, sarà sempre possibile beneficare dell’agevolazione prima casa con un’imposta di registro ridotta.

Per qualsiasi dubbio in merito all’articolo, ti invito a contattarmi al link che troverai qui di seguito.

Lascia un commento

Ti Piace questo articolo? Condividilo..