Dichiarazione integrativa a favore: i termini

Presentazione della dichiarazione integrativa a favore, anche oltre i termini per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno di imposta successivo. Tutte le informazioni utili.

Fino ad oggi il contribuente, per recuperare le maggiori imposte versate per un errore, che ad esempio, aveva determinato un pagamento non dovuto di IRES, IRPEF o IRAP, se non si attivava entro il termine della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo, rischiava di dover ricorrere all’istanza di rimborso.

L’articolo 5 del D.L. 22 ottobre 2016, n. 193, ha sancito normativamente la possibilità per il contribuente di presentare la dichiarazione integrativa “a favore” anche oltre il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo.

In pratica, a partire dal 2017, la dichiarazione integrativa a favore del contribuente potrà essere presentata anche successivamente rispetto al termine di presentazione della dichiarazione dei redditi dell’anno successivo, e fino al termine delle annualità previste per l’accertamento.

Vediamo in questo contributo nel dettaglio quando si può utilizzare la dichiarazione integrativa a favore e quali sono i termini per poter presentarla.

Sei pronto?!? Si comincia!!!

Dichiarazione integrativa a favore: cos’é

La dichiarazione integrativa è una nuova dichiarazione che viene presentata dal contribuente per correggere eventuali errori e/o le omissioni commessi nella precedente dichiarazione. Tramite la dichiarazione dei redditi integrativa, tutti i contribuenti, hanno la possibilità di presentare un modello 730 integrativo o un modello Unico, per correggere errori e/o omissioni commessi nel 730 o Unico precedentemente presentato. Gli errori commessi dal contribuente, possono essere di due tipi:

  • A sfavore del contribuente: quando l’errore o omissione fa sorgere una maggiore imposta o un minor credito a carico del contribuente;
  • A favore del contribuente: quando l’errore o omissione fa sorgere una minore imposta o un maggior credito a favore del contribuente;

Da ciò, scaturiscono 2 tipologie di dichiarazione integrativa:

  • Dichiarazione integrativa a favore del contribuente: prima delle regole introdotte dal DL 193/2016, doveva essere presentata entro il 30 settembre dell’anno successivo. Mentre con le nuove regole, la scadenza è diventata entro il 5° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione;
  • Dichiarazione integrativa a sfavore del contribuente: deve essere presentata entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione.

Dichiarazione integrativa a favore: le novità

L’articolo 5 del D.L. 22 ottobre 2016, n. 193 convertito con modificazioni dalla Legge n. 225/2016 ha modificato l’articolo 2, commi 8 e 8 bis, del DPR n. 322/98 e ha previsto, in relazione alle dichiarazione dei redditi, dell’IRAP e dei sostituti d’imposta, che è possibile presentare la dichiarazione integrativa “a favore” entro il termine di decadenza dell’azione accertatrice di cui all’articolo 43 del DPR n. 600/1973.

Dalla norma si evince pertanto, che è possibile correggere errori/omissioni sia “a favore” che “a sfavore” del contribuente, ossia errori/omissioni che abbiano comportato l’indicazione di un maggior/minore imponibile o, comunque, un maggior/minor debito d’imposta o un maggior/minor credito entro il termine previsto per l’accertamento delle imposte sui redditi, ex articolo 43 del DPR n. 600/1973.

L’intento del legislatore è stato quello di eliminare il disallineamento esistente tra il termine di presentazione della dichiarazione integrativa “a favore (termine previsto per la dichiarazione del periodo d’imposta successivo) e quello della dichiarazione integrativa a sfavore (termine previsto per l’accertamento).

Avviso di accertamento: termini

Dal 1 gennaio 2016 è stata modificata la disciplina dei termini di decadenza degli accertamenti tributari, come disciplinata dall’art. 43 del D.P.R. n. 600 del 29 settembre 1973.

Secondo la nuova disciplina, gli avvisi di accertamento devono essere notificati, a pena di decadenza:

  • Entro il 31.12 del 5° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione .
  • Entro il 31.12 del 7° anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata, in caso di dichiarazione omessa.

Fino alla scadenza del termine di accertamento ordinario, vi è la possibilità di integrare/modificare in aumento l’importo accertato, mediante la notificazione di nuovi avvisi di accertamento. Questo si ha ad esempio nell’ipotesi in cui l’Amministrazione Finanziaria sia a conoscenza di nuovi elementi. Quest’ultimi devono essere indicati nell’atto a pena di nullità.

Esempio termini dichiarazione integrativa a favore

Ipotizziamo di aver commesso un errore nella dichiarazione dei redditi anno 2016, ad esempio di non aver calcolato una detrazione spettante. Con le novità, di cui abbiamo visto sopra, abbiamo ancora la possibilità di ripresentare la dichiarazione dei redditi integrativa. Il termine di scadenza per presentare la dichiarazione integrativa relativa all’annualità 2016 è il 31 dicembre 2021. Questo in quanto, la dichiarazione dei redditi anno d’imposta 2016 doveva essere presentata entro il 30 settembre 2017. Il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi integrativa è stato esteso ai termini dell’accertamento, ovvero entro il 31.12 del 5° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione.

Dichiarazione integrativa a favore: sono dovute le sanzioni?

La dichiarazione integrativa interamente a favore del contribuente non è soggetta ad alcuna sanzione. Questo, è stato chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 82 del 24 dicembre 2020. Il quesito proposto dal contribuente riguardava la presentazione di una dichiarazione integrativa al fine di poter:

  • dedurre un costo;
  • indicare un reddito originariamente omesso.

Il contribuente, per questa casistica, domandava se, qualora la dichiarazione chiudeva con un maggior credito, si potesse considerare come dichiarazione “a favore” del contribuente. Pertanto non essere assoggettata ad alcuna sanzione.

L’Agenzia delle Entrate che, solo la dichiarazione integrativa interamente a favore del contribuente non è soggetta ad alcuna sanzione. Mentre, qualora la dichiarazione integrativa sia presentata per correggere errori od omissioni sia a favore che a sfavore del contribuente ed il risultato finale della stessa sia comunque un maggior credito, è dovuta la sanzione amministrativa da 250 euro a 2.000 euro. Resta comunque al contribuente la possibilità di beneficiare dell’istituto del ravvedimento operoso.

Retroattività dichiarazione a favore: contrasto giurisprudenziale

Secondo l’orientamento della Corte di Cassazione, sentenza n. 1291 del 18 gennaio 2019, le dichiarazioni integrative a favore, presentate prima del 24 ottobre 2016, devono essere gestite sulla base della normativa all’epoca vigente, ossia di quella in essere alla data di presentazione del modello integrativo. La dichiarazione integrativa a favore è valida, solo se presentata entro il termine di presentazione della dichiarazione dell’anno successivo. Pertanto, trascorso tale termine, è possibile recuperare l’eventuale imposta versata in eccesso, tramite un’istanza di rimborso, ai sensi dell’art. 38 del DPR n. 602 del 1973. Le dichiarazioni integrative a favore, presentate prima del 24 ottobre 2016, devono essere valutate in base alla normativa vigente alla data di presentazione della dichiarazione. Questo, sulla base del principio generale dell’irretroattività della legge, di cui all’art. 11 del Codice Civile. Di parere diverso, sono la sentenza n. 3098/01//2018 della Ctr Lombardia, la sentenza n. 144 del 20 marzo 2018 della Ctr di Campobasso. Secondo tali sentenze, le dichiarazioni integrative “a favore” presentate oltre il termine annuale sono legittime. Questo, in quanto, la novità introdotta dall’art. 5 del DL 193 del 2016 assume i connotati di una norma di interpretazione autentica. L’intento del legislatore è quello di rimediare ad una disparità di trattamento che non si conciliava con i principi costituzionali dell’uguaglianza, della ragionevolezza e della proporzionalità.

Dichiarazione integrativa a favore: il credito

Il credito derivante dal minor debito/maggior credito risultante dalla dichiarazione integrativa “a favore” come disposto dal nuovo comma 8-bis, dell’articolo 2 del DPR n. 322/98 può essere utilizzato in compensazione.

Qualora la dichiarazione integrativa “a favore” venga trasmessa oltre il termine prescritto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta successivo è stabilito che il credito derivante dal minor debito o dal maggior credito risultante dalla stessa possa essere utilizzato in compensazione per eseguire il versamento di debiti maturati a partire dal periodo d’imposta successivo a quello in cui è presentata la dichiarazione integrativa.

Tuttavia in sede di conversione, è stato previsto, che tale ultima limitazione non opera in caso di correzione di errori contabili di competenza.

Sul tema era intervenuta la Circolare 31/E/2013 che, aveva previsto, tramite la procedura di autoliquidazione delle dichiarazioni integrative, la possibilità di recuperare la mancata deduzione di un componente reddituale.

Dichiarazione integrativa a favore Iva

Analogamente a quanto disposto ai fini delle imposte dirette /IRAP, ferma restando la possibilità di accedere all’istituto del ravvedimento operoso  ex articolo 13, D.Lgs. n. 472/97, è consentito integrare la dichiarazione IVA entro il termine previsto per l’accertamento ex articolo 57, DPR n. 633/72 per correggere errori/omissioni sia “a favore” che “a sfavore” del contribuente, ossia errori/omissioni che abbiano comportato l’indicazione di un maggior / minor debito d’imposta o un maggior / minor credito IVA.

Credito risultante dalla dichiarazione integrativa Iva

Il credito che scaturisce dal minor debito / maggior credito risultante dalla dichiarazione integrativa “a favore” può essere:

  • Portato in detrazione in sede di liquidazione periodica/dichiarazione annuale;
  • Utilizzato in compensazione;
  • Chiesto a rimborso

a condizione che la dichiarazione integrativa sia presentata entro il termine della dichiarazione relativa all’anno successivo.

Nel caso in cui la dichiarazione integrativa sia presentata oltre il termine della dichiarazione relativa all’anno successivo, il credito derivante dal minor debito/maggior credito risultante dalla dichiarazione integrativa “a favore”  può essere:

  • Utilizzato in compensazione dei debiti maturati a partire dal periodo d’imposta successivo;
  • Chiesto a rimborso, se sussistono, per l’anno per il quale è stata presentata la dichiarazione integrativa, dei requisiti previsti dagli articoli 30 e 34, comma 9.

Tuttavia, anche per questa dichiarazione, resta la possibilità di far valere, anche in sede di accertamento o di giudizio, eventuali errori di fatto o di diritto, che abbiano inciso sull’obbligazione tributaria, determinando l’indicazione di un maggiore imponibile, di un maggior debito d’imposta o, comunque, di un minor credito.

Opzioni da esercitare in dichiarazione

È controversa la possibilità di presentare una dichiarazione integrativa quando, nell’originaria, il contribuente ha omesso di esercitare una specifica opzione, o quando non ha compilato correttamente determinati quadri della dichiarazione, non necessariamente reddituali.
La correzione, secondo un orientamento (da ultimo, Cass. 15.12.2017 n. 30172, Cass. 6.6.2018 n. 14550), non è ammessa per le c.d. “dichiarazioni negoziali”, a meno che il contribuente dimostri, ai sensi degli artt. 1427 e ss. c.c., che l’errore era essenziale e riconoscibile (trattasi a ben vedere di criteri squisitamente civilistici, che mal si adattano al sistema tributario).

Dichiarazione integrativa a favore: consulenza

Se necessiti dell’analisi della tua situazione personale, ti invito a contattarci attraverso il form di cui al link seguente. Riceverai il preventivo per una consulenza personalizzata in grado di risolvere i tuoi dubbi sull’argomento. Considerati i termini che hai visto nel presente contributo, non aspettare ad intervenire, affidati subito ad esperti del settore!

Lascia un commento

Ti Piace questo articolo? Condividilo..